Tossina della pertosse e vaccinazione, novità da cerotto epicutaneo sperimentale

Tossina della pertosse e vaccinazione, novità da cerotto epicutaneo sperimentale
Tossina della pertosse e vaccinazione, novità da cerotto epicutaneo sperimentale

Tossina della pertosse e vaccinazione, novità da cerotto epicutaneo sperimentale

DBV Technologies, Ospedali universitari di Ginevra e BioNet-Asia hanno presentato ulteriori dati di Fase I sull’uso di un cerotto epicutaneo sperimentale per stimolare la vaccinazione contro la pertosse al Congresso europeo di immunologia

 PARIGI, GINEVRA e BANGKOK il 5 settembre 2018 – DBV Technologies (Euronext: DBV – ISIN: FR0010417345 – Nasdaq Stock Market: DBVT), gli Ospedali universitari di Ginevra (HUG) e BioNet-Asia Co. Ltd hanno presentato nuovi dati da uno studio di Fase I che valuta la sicurezza e l’immunogenicità di potenziare i giovani adulti contro la tossina della pertosse (PT) con un cerotto epicutaneo sperimentale contenente PT ricombinante (Viaskin-PT).

I nuovi risultati, presentati al 5 ° Congresso europeo di immunologia

I nuovi risultati, presentati al 5 ° Congresso europeo di immunologia (ECI) ad Amsterdam, Paesi Bassi, 2-5 settembre 2018, dalla dott.ssa Olga Chatzis e dalla prof.ssa Claire-Anne Siegrist di HUG, hanno evidenziato i dati di due coorti supplementari mostrando che dopo la preparazione della pelle con un laser epidermico, le risposte di richiamo anti-PT indotte da Viaskin-PT erano paragonabili a quelle provocate da Boostrix® dTpa, un vaccino booster approvato iniettabile. A marzo 2017,  i dati presentati all’ICE hanno mostrato risposte favorevoli di sicurezza e immunogenicità in adulti sani che hanno ricevuto due applicazioni di Viaskin-PT dopo la preparazione della pelle con un laser epidermico. Non sono stati segnalati eventi avversi gravi (SAE). 

La maggior parte degli eventi avversi segnalati (AE) sono state lievi reazioni al sito di applicazione e non sono stati osservati eventi avversi che hanno indotto a studiare la sospensione.

Dopo la seconda applicazione di Viaskin-PT, le concentrazioni di IgG anti-PT, che si correlano meglio con una risposta protettiva contro la pertosse, sono state osservate significativamente più alte in entrambe le coorti di Viaskin-PT (Viaskin-PT 25 μg, n = 5, p < 0,001; Viaskin-PT 50 μg, n = 25, p <0,001) rispetto al placebo. Le concentrazioni di anti-PT provocate da due applicazioni di un vaccino senza ago libero e adiuvante erano simili a quelle provocate dall’iniezione di Boostrix® dTpa.

 “Siamo entusiasti di tali forti risultati di immunogenicità, che possono essere il risultato della combinazione di un maggiore immunogeno (PT ricombinante) e un nuovo approccio alla vaccinazione e non vediamo l’ora di esplorare ulteriormente l’uso di questo cerotto senza ago per aumentare l’immunità. Riteniamo che i micro-pori creati dal laser facilitano l’ingresso dell’antigene nell’epidermide, consentendo di catturare più antigeni dai linfonodi e quindi riattivare in modo più efficace le cellule di memoria specifiche della pertosse.Questo rappresenta un importante passo successivo nell’esplorazione dell’uso di nuove tecnologie per la vaccinazione “, ha affermato il prof. Siegrist.

 Questo studio di prova di fase I è stato condotto sotto la supervisione del Prof. Siegrist del Centro di ricerca clinica di HUG in collaborazione con DBV Technologies e BioNet-Asia. La Società continua a valutare questi risultati positivi di prova del concetto per determinare potenziali passi successivi nella vaccinazione.

 Informazioni sulla prova di fase I Viaskin-PT

Questo studio di sicurezza e immunogenicità a dose-dipendente, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo di fase I ha valutato la sicurezza della tossina pertosse ricombinante geneticamente detossificata da BioNet somministrata dai cerotti Viaskin di DBV in 100 giovani adulti sani in quattro coorti. Gli endpoint secondari hanno valutato le risposte umorali dei soggetti indotte da Viaskin-PT 25 mcg e 50 mcg rispetto al placebo. Anche le risposte immunitarie cellulari sono state monitorate come endpoint esplorativi.

Il processo è stato condotto nel Centro di ricerca clinica degli ospedali universitari di Ginevra

Il processo è stato condotto nel Centro di ricerca clinica degli ospedali universitari di Ginevra. Uomini e donne di età compresa tra 18 e 40 anni che sono stati vaccinati durante l’infanzia contro la pertosse sono stati randomizzati nelle quattro coorti di soggetti. Le patch Viaskin sono state applicate per 48 ore, con un intervallo di due settimane tra le applicazioni. 

Quattro settimane dopo la seconda applicazione Viaskin…

Quattro settimane dopo la seconda applicazione Viaskin, i partecipanti hanno ricevuto una dose di vaccino Boostrix® dTpa per garantire il richiamo dell’immunità contro la difterite, il tetano e i tre antigeni della pertosse (solo un singolo antigene sarà somministrato tramite Viaskin PT). Tutti i soggetti sono stati osservati dopo ogni applicazione. Gli eventi avversi locali e sistemici sono stati monitorati. 

La prima coorte ha ricevuto due applicazioni di Viaskin-PT 25 mcg (n = 25) o placebo (n = 5). Dopo una revisione positiva del DSMB, la seconda coorte ha ricevuto due applicazioni di Viaskin-PT 50 mcg (n = 25) o placebo (n = 5).

In seguito alla revisione dei dati preliminari rilasciati nel 2017, DBV, HUG e BioNet hanno aggiunto nelle coorti 3 e 4 per ricevere Viaskin-PT in seguito alla preparazione della pelle con un laser epidermico (PLEASE, Pantec) prima di ogni applicazione di cerotto. La terza coorte ha ricevuto due applicazioni di Viaskin-PT 25 mcg (n = 5) o placebo (n = 2). Dopo la revisione positiva del DSMB, la quarta coorte ha ricevuto due applicazioni di Viaskin-PT 50 mcg (n = 25) o placebo (n = 10).

 Informazioni su Bordetella Pertussis

La pertosse, comunemente nota come pertosse, è una malattia respiratoria altamente contagiosa causata da un tipo di batterio noto come Bordetella pertussis. La vaccinazione contro la pertosse è raccomandata come parte della normale immunizzazione infantile. Sebbene l’incidenza della pertosse sia diminuita a causa dell’immunizzazione di neonati e bambini piccoli, l’immunità indotta dal vaccino non dura a lungo. 

Questo fenomeno, noto come immunità calante

Questo fenomeno, noto come immunità calante, è aumentato dall’introduzione dei vaccini contro la pertosse acellulare nel 1996, che tendono a fornire una protezione di breve durata contro i batteri della pertosse di Bordetella. Secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), ci sono 16 milioni di casi di pertosse in tutto il mondo ogni anno, principalmente in adolescenti e adulti che spesso possono infettare i bambini che non hanno ancora completato l’immunizzazione della pertosse.

Le vaccinazioni di richiamo sono ora raccomandate per adolescenti e adulti, ma la compliance non è sempre elevata. Una nuova tecnologia di vaccinazione che sia adatta ai pazienti, indolore e non invasiva potrebbe contribuire ad aumentare la compliance per l’immunizzazione di richiamo contro la pertosse.

 Informazioni su DBV Technologies 

DBV Technologies sta sviluppando Viaskin®, una piattaforma tecnologica proprietaria con ampie potenziali applicazioni in immunoterapia. Viaskin si basa sull’immunoterapia epicutanea, o EPIT®, il metodo di DBV di fornire composti biologicamente attivi al sistema immunitario attraverso la pelle intatta. 

Con questa nuova classe di candidati a prodotti auto-somministrati e non invasivi, la Società si dedica a trasformare in modo sicuro la cura dei pazienti allergici alimentari, per i quali non esistono trattamenti approvati. 

I programmi di allergie alimentari di DBV includono prove cliniche in corso su Viaskin Peanut e Viaskin Milk e lo sviluppo preclinico di Viaskin Egg. La DBV sta anche portando avanti uno studio clinico di prova umana del Viaskin Milk per il trattamento dell’Eofofisi Eosinofila ed esplorando potenziali applicazioni della sua piattaforma in vaccini e altre malattie immunitarie. DBV Technologies ha sede globale a Montrouge, in Francia ea New York, NY. 

Le azioni ordinarie della Società sono negoziate sul segmento A di Euronext Paris (Ticker: DBV, codice ISIN: FR0010417345), parte dell’indice SBF120 e gli ADS della Società (che rappresentano ciascuna metà di una azione ordinaria) sono negoziati sul Nasdaq Global. Seleziona mercato (Ticker: DBVT).

Informazioni sugli ospedali universitari di Ginevra

Gli ospedali universitari di Ginevra (HUG), un’istituzione accademica di riferimento a livello nazionale e internazionale, riuniscono otto ospedali pubblici e due cliniche sanitarie di Ginevra. Le loro missioni includono fornire assistenza sanitaria alla comunità in tutte le specialità mediche, contribuire alla formazione di medici e operatori sanitari, condurre ricerche mediche e trovare trattamenti.

L’HUG funziona come centro di riferimento nazionale

L’HUG funziona come centro di riferimento nazionale per l’influenza e le infezioni virali emergenti, così come per le malattie del fegato nei bambini e il trapianto di fegato pediatrico. Sono un centro di collaborazione dell’OMS in sette aree. Il loro centro di vaccinologia, guidato dalla professoressa Claire-Anne Siegrist,

 Con i suoi 11.560 dipendenti, l’HUG accoglie ogni anno oltre 60.000 pazienti ospedalizzati e assicura 120.000 emergenze e oltre un milione di consultazioni o cure ambulatoriali e 27.000 interventi chirurgici. Più di 900 medici, 2200 stagisti e 200 apprendisti si sono formati qui. L’HUG lavora a stretto contatto con la Facoltà di Medicina dell’Università di Ginevra e l’OMS in vari progetti di formazione e ricerca. Sviluppano collaborazioni con CHUV, EPFL, CERN e altri attori della Lemanic Health Valley. Maggiori informazioni su: www.hug-ge.ch

 Informazioni su BioNet-Asia

BioNet-Asia è una società biotech focalizzata sullo sviluppo e la produzione di vaccini Nextgen in Asia. BioNet mira a fornire un rapido accesso ai vaccini salva-vita ai più bisognosi di tutti i continenti.

 BioNet è l’unico produttore di vaccini pertosse acellulari ricombinanti, prodotto utilizzando una tecnologia brevettata del DNA ricombinante. Contengono una tossina della pertosse geneticamente inattivata (PTgen) che induce una maggiore risposta immunitaria anti-PT come dimostrato in diversi studi clinici. Due vaccini contenenti PTgen sono già disponibili in Tailandia: Pertagen ® , un vaccino monovalente per la pertosse acellulare (aP) e Boostagen ® , un vaccino combinato per la pertosse tetanico-difterite-pertosse (TdaP) che vengono utilizzati per l’immunizzazione di richiamo negli adolescenti e negli adulti compresa la gravidanza donne.

BioNet ha anche offerto l’accesso a vaccini e tecnologie attraverso partnership globali che hanno portato alla fornitura di miliardi di dosi di vaccini in tutto il mondo. Per ulteriori informazioni, visitare www.bionet-asia.com   

 Dichiarazioni previsionali

Questo comunicato stampa potrebbe contenere dichiarazioni e stime lungimiranti, comprese dichiarazioni riguardanti il ​​potenziale di Viaskin-PT. Queste dichiarazioni e stime previsionali non sono promesse o garanzie e comportano rischi e incertezze sostanziali. In questa fase, i prodotti della Società non sono stati autorizzati per la vendita in nessun paese. Tra i fattori che potrebbero far sì che i risultati effettivi differiscano materialmente da quelli descritti o qui proiettati includono incertezze associate generalmente a ricerca e sviluppo, studi clinici e relative revisioni e approvazioni normative. 

Un ulteriore elenco e descrizione di tali rischi, incertezze e altri rischi sono reperibili nei documenti normativi della Società presso l’Autorité des Marchés Financiers della Francia, i documenti e le relazioni della Commissione su titoli e borse della Commissione; incluso nella relazione annuale della Società sul modulo 20-F per l’anno conclusosi il 31 dicembre 2017 e in futuro su documenti e relazioni della Società. Si invitano gli investitori esistenti e potenziali a non fare eccessivo affidamento su tali dichiarazioni e stime lungimiranti, che si riferiscono solo alla data del presente documento. Diversamente da quanto richiesto dalla legge applicabile, DBV Technologies non si assume alcun obbligo di aggiornare o rivedere le informazioni contenute in questo comunicato stampa.


Descrizione della malattia
È una malattia infettiva di origine batterica molto contagiosa, causata dal batterio Bordetella pertussis. Un altro batterio della stessa famiglia, il Bordetella parapertussis, è all’origine di una malattia simile, la parapertosse, che si manifesta però con sintomi più lievi. La pertosse viene annoverata fra le malattie infantili, come la rosolia, il morbillo, la varicella e la parotite, e colpisce prevalentemente bambini sotto i 5 anni.

L’uomo è l’unico serbatoio noto del batterio; di conseguenza la trasmissione della malattia avviene solo fra esseri umani. Un adeguato trattamento antibiotico permette la guarigione in una quindicina di giorni. A differenza delle altre malattie infantili, l’immunità conferita da una prima infezione non è definitiva, ma declina col tempo.

La pertosse è diffusa in tutto il mondo, ma è diventata assai rara, specialmente nei Paesi in cui è stata introdotta la vaccinazione generalizzata nell’infanzia. Oggi il 90% dei casi di pertosse si registrano proprio nelle popolazioni in cui non viene effettuata la vaccinazione, e in questi casi la pertosse può portare a una mortalità elevata nei bambini. Nelle popolazioni vaccinate si è osservato un ritorno della pertosse a causa della perdita progressiva di immunità e, in effetti, quando è stato introdotto il vaccino 30 anni fa non venivano utilizzate le dosi di richiamo.

In Italia la pertosse viene obbligatoriamente notificata alle autorità sanitarie.

Contrariamente ad altre malattie infettive, la pertosse può colpire anche i neonati di madre immune. Sembra infatti che gli anticorpi materni che costituiscono le loro prime difese non siano in grado di proteggerli contro questa infezione.

Sintomi, diagnosi e complicazioni
Il batterio della pertosse causa infezioni alle vie respiratorie che possono essere inapparenti, ma anche estremamente gravi, specie quando il paziente è un neonato. La pertosse si caratterizza per una tosse persistente (per più di tre settimane). L’esordio della malattia si manifesta con una tosse lieve, accompagnata da qualche linea di febbre e copiose secrezioni nasali: è la fase catarrale, che dura da 1 a 2 settimane. Progressivamente la tosse diventa parossistica e si associa a difficoltà respiratorie: è la fase convulsiva o parossistica, che può durare più di 2 mesi in assenza di trattamento. In seguito a parossismi, si possono verificare anche casi di apnea, cianosi e vomito.

Nei bambini piccoli, le complicazioni più gravi sono costituite da sovrainfezioni batteriche, che possono portare a otiti, polmonite, bronchiti o addirittura affezioni neurologiche (crisi convulsive, encefaliti). I colpi di tosse possono anche provocare delle emorragie sottocongiuntivali e nel naso. Nel neonato e nei bambini al di sotto di 1 anno, la pertosse può essere molto grave, addirittura mortale.

La conferma della diagnosi si ha principalmente isolando il batterio responsabile, a partire da un’aspirazione nasofaringea.

Incubazione e terapia

Il periodo di incubazione è di circa 10 giorni. La pertosse è altamente contagiosa, soprattutto nel periodo iniziale, prima dell’insorgenza della tosse parossistica. Dopo tre settimane dall’inizio della fase parossistica, nei pazienti non trattati il contagio si considera trascurabile. Invece nei pazienti trattati con antibiotici il periodo di infettività è ridotto a circa 5 giorni dall’inizio della terapia.

Il contagio avviene per via aerea, probabilmente attraverso goccioline di saliva diffuse nell’aria quando il malato tossisce. La terapia consiste di antibiotici, spesso l’eritromicina. Se viene preso prima della fase parossistica, l’antibiotico abbrevia il tempo di contagiosità e la durata della malattia, ma i sintomi non sempre vengono ridotti. Per alleviare i sintomi, vengono prescritti anche antitussivi, sedativi, antispasmodici.


direttore@marcellomigliosi.it 

Commenta per primo

Lascia un commento