Tecnica di alcolizzazione su noduli tiroidei professor De Feo a ⚕️ Dottor Salute ⚕️

rappresenta la prima scelta terapeutica per le lesioni cistiche benigne


Tecnica di alcolizzazione su noduli tiroidei professor De Feo a ⚕️ Dottor Salute ⚕️

Del Professor, Pierpaolo De Feo
L’alcolizzazione, nota anche con l’acronimo PEI (percutaneous ethanol injection), è una procedura mini-invasiva che consiste nell’introduzione di etanolo nei tessuti. La conseguenza è la trombosi dei piccoli vasi, la disidratazione cellulare e la successiva necrosi coagulativa , a cui fa seguito una fibrosi che comporta la riduzione di volume della lesione nodulare trattata.

Secondo le nuove linee guida, l’alcolizzazione rappresenta la prima scelta terapeutica per le lesioni cistiche benigne sintomatiche e ricorrenti e per i noduli con una predominante componente liquida.

Queste raccomandazioni sono giustificate dalla concordante evidenza scientifica di sicurezza, tollerabilità, efficacia e costo-efficacia della procedura. Il Prof. De Feo, che ha un’esperienza personale di oltre 1000 alcolizzazioni (www.defeotiroide.it), riporta i risultati ottenuti con i pazienti trattati lo scorso anno.

Ad un anno di distanza i noduli liquidi della tiroide si riducono di circa il 90% e quelli misti o prevelantemente solidi di oltre il 50% con un intervento ambulatoriale della durata di 15-20 minuti che non richiede sedazione o anaestesia.


Commenta per primo

Lascia un commento