Patologia dell’aorta addominale Prof. Fiore Fiorelli

Nove volte su 10 l’aneurisma dell’aorta addominale - dilatazione patologica permanente del vaso arterioso più grande del corpo umano - è in posizione sottorenale

Patologia dell’aorta addominale Prof. Fiore Fiorelli

Nove volte su 10 l’aneurisma dell’aorta addominale – dilatazione patologica permanente del vaso arterioso più grande del corpo umano – è in posizione sottorenale. La prevalenza varia a seconda dell’età, il sesso, la storia familiare, il fumo di sigaretta: dall’1,5% nei maschi tra i 45 ed i 54 anni a circa il 13% negli uomini dopo i 75 anni e fino agli 85. Ad essere meno colpite, invece, sono le donne.
Le cause dell’aneurisma dell’aorta addominale

La causa – esatta – alla base della formazione degli aneurismi addominali non è conosciuta, mentre sono stati chiariti i fattori di rischio che possono contribuire alla sua comparsa: l’aterosclerosi, la razza (è più frequente nelle persone di carnagione bianca), la familiarità, l’ipertensione arteriosa, il consumo di tabacco, i traumi, le patologie del tessuto connettivo determinanti l’indebolimento della parete aortica.

La malattia aterosclerotica agisce alterando l’elasticità della struttura arteriosa a tal punto da renderla deformabile sotto la spinta della pressione sanguigna. Il risultato è la progressiva dilatazione dell’aorta, processo purtroppo irreversibile. La rottura della dilatazione (aneurisma) è la conseguenza più drammatica a cui può andare incontro un paziente se non trattato in modo adeguato e tempestivo: circa il 50% dei malati muore prima di essere soccorso da un centro medico specializzato a causa del massiccio sanguinamento addominale.

Fonte: www.cardiochirurgia.com

Commenta per primo

Lascia un commento