I Cardiologi dell’Azienda Ospedaliera di Perugia impegnati in Cardiologie aperte 2015

Una serie di iniziative per accendere di nuovo i riflettori sulle  malattie cardiovascolari, che  rappresentano la prima causa di morte nel mondo occidentale, vengono promosse dall’Associazione Nazionale dei Medici Cardiologi Ospedalieri. ANMCO ( www.anmco.it), con i suoi 4000 soci, si  distingue sia nell’ambito della ricerca, con importanti studi che hanno contribuito a rivoluzionare il trattamento dell’infarto del miocardio in tutto il mondo, che nell’assistenza. Anche  la sezione dell’Umbria dal 9 al 15 febbraio 2015 è impegnata nella  Settimana del Cuore in stretta collaborazione con  La Fondazione “per il Tuo cuore” dell’ANMCO, Cardiologie Aperte. Sono previsti  incontri, che abbiano lo scopo di promuovere la cultura della prevenzione cardiovascolare e di fornire elementi di educazione sanitaria ai cittadini. A  Perugia, mercoledì 11 febbraio alle ore 17,00, presso il Teatro “Franco Bicini”,  in Via del Cortone, è  programmato  un incontro della cittadinanza con i cardiologi e i cardiochirurghi dell’Azienda Ospedaliera ed Universitaria di Perugia. “Noi medici abbiamo l’obbligo di partire sempre dalla prevenzione, senza temere di essere ripetitivi : la salute dei cittadini è nella nostra mission ed intendiamo ribadire concetti utili per mettere in sicurezza il cuore.- sottolinea il Dr Adriano Murrone, presidente di ANMCO Umbria- .Conoscere  il proprio cuore non è uno slogan, ma il modo migliore di  riconoscere i sintomi di patologie che   dovessero  presentarsi. Unendo competenze ed esperienze – aggiunge Murrone- vogliamo informare i cittadini sulla  Prevenzione dell’Arresto Cardiaco Improvviso e sulle attività  che il Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare del S. Maria della Misericordia è in grado di offrire, sia in termini di percorsi assistenziali, che di risorse tecnologiche “.Durante l’incontro  dell’11 Febbraio- come informa una nota dell’ufficio stampa dell’Azienda Ospedaliera di Perugia –sarà  presentato il progetto “Banca del Cuore”, che si propone di offrire ai  pazienti che si rivolgono  alle strutture ambulatoriali cardiologiche  ospedaliere  per gli usuali controlli, l’opportunità di  poter “archiviare”  il loro elettrocardiogramma, così da poter essere consultato via internet, in qualsiasi parte del  mondo. All’incontro al Teatro “Franco Bicini” parteciperanno in maniera attiva  alcune associazioni di pazienti e cittadini, e tra queste  l’AULCI (Associazione Umbre per la lotta alle cardiopatie infantili) e l’Associazione Cuor di leone pro-cardiopatici ONLUS .

Commenta per primo

Lascia un commento