La chirurgia robotica, in studio il dottor Alberto Patriti

La puntata, con in studio ospite il dottor Alberto Patriti, ha trattato il tema delle nuove metodiche chirurgiche con l'uso della robotica

La chirurgia robotica, in studio il dottor Alberto Patriti

La puntata, con in studio ospite il dottor Alberto Patriti, ha trattato il tema delle nuove metodiche chirurgiche con l’uso della robotica.

La chirurgia robotica (Robotic Assisted Surgery) è una branca dell’ingegneria che sviluppa mezzi robotici che consentono all’operatore di praticare un intervento chirurgico manovrando, a distanza, un robot non completamente autonomo ma capace di eseguire manovre comandate.

È una tecnica entrata in uso recentemente, sia pure in centri selezionati, e rappresenta un ulteriore passo nell’ambito della chirurgia mini-invasiva. Ha fondamentalmente le stesse indicazioni ma, al momento, è riservata a pazienti selezionati.

Rispetto alla chirurgia video assistita tradizionale presenta alcune differenze importanti. Il chirurgo è distante fisicamente dal campo operatorio e siede ad una consolle, dotata di un monitor, dalla quale, attraverso un sistema complesso, comanda il movimento dei bracci robotici. A questi vengono fissati i vari ferri chirurgici, pinze, forbici, dissettori, che un’équipe presente al tavolo operatorio provvede ad introdurre nella cavità sede dell’intervento. L’impiego dei bracci meccanici ha il vantaggio di consentire una visione tridimensionale con un’immagine più ferma, e di rendere le manovre più delicate e fini anche perché gli strumenti sono articolati all’estremità distale. Lo svantaggio è legato ai tempi operatori più lunghi, ed alla difficoltà di dosare la forza (come può accadere nel dare la giusta tensione ad un nodo chirurgico).

1 Trackback / Pingback

  1. Acalasia esofagea e miotomia per via laparoscopica o robotica integrata

Lascia un commento