Hiv, il virus dell’Aids, ha una sua vita segreta gli scienziati l’hanno scoperta

I ricercatori identificano il nuovo meccanismo per interrompere la latenza dello Human Immunodeficiency Virus

Hiv, il virus dell'Aids, ha una sua vita segreta gli scienziati l'hanno scopertaHiv, il virus dell’Aids, ha una sua vita segreta gli scienziati l’hanno scoperta

La terapia antiretrovirale è in grado di ridurre i numeri della malattia della Sindrome da immunodeficienza acquisita (Aids), nonostante questo, però, il virus dell’Hiv può ‘nascondersi’ e restare latente.  L’Hiv, il virus dell’Aids, ha una vita segreta, quindi, ed è in grado di aggirare così i trattamenti e la risposta immunitaria del corpo. I ricercatori del Davis Health dell’Università della California (Uc), insieme ai colleghi dell’Uc di San Francisco e dell’Università della North Carolina a Chapel Hill, hanno trovato il modo per farlo uscire allo scoperto, in uno studio pubblicato sul ‘Journal of Clinical Investigation.

Gli scienziati hanno scoperto che l’aumento della crotonilazione dell’istone, un meccanismo epigenetico che governa l’espressione genica, potrebbe essere la chiave per far uscire l’Hiv dai suoi ‘nascondigli‘ e diventare ‘sensibile’ ai farmaci.

 MECCANISMO 

Abbiamo lavorato su meccanismi che potrebbero essere utilizzati per interrompere la latenza dell’Hiv” ha spiegato Satya Dandekar, a capo del Dipartimento di microbiologia e immunologia dell’istituto e principale autore dello studio.

VIRUS

 “L’obiettivo è quello di forzare il virus ad essere espresso in modo che sia visibile al sistema immunitario e possa essere ‘bersagliato dall’immunoterapia. Si tratta del primo studio mirato a identificare la crotonilazione dell’istone come un driver per la trascrizione dell’Hiv e la de-crotonilazione come un marker epigenetico della latenza dell’Hiv”.

COME SPIEGA IL NEWS MEDICAL LIFE SCIENCE

“Il crotonylation dell’istone regolamenta la latenza del HIV,„ ha detto lo scienziato Guochun Jiang, primo autore del progetto del socio di Uc Davis sul documento. “Se possiamo modulare quello, il virus può essere risciacquato più efficientemente.„

Per capire meglio questo meccanismo, il gruppo messo a fuoco su un enzima ha chiamato ACSS2, che svolge un ruolo importante nel metabolismo dell’acido grasso nell’intestino. Il HIV è stato collegato spesso a danno del metabolismo dei lipidi, rendente a ACSS2 un obiettivo potenziale di promessa per una maturazione del HIV.

Per provarlo fuori, i ricercatori hanno studiato i campioni di sangue periferici dai pazienti affetti da HIV e da parecchi modelli delle cellule della latenza del HIV. L’attivazione dell’enzima ACSS2 ha aumentato il collettore virale della trascrizione. I risultati dai campioni pazienti erano particolarmente incoraggianti.

Abbiamo esaminato i modelli ben-caratterizzati delle cellule della latenza del HIV e celle immuni dai pazienti di HIV che stavano subendo la terapia del antiretroviral ed hanno avuti caricamenti virali inosservabili,„ Dandekar ha detto. “In quei campioni, potevamo interrompere il HIV che fa tacere inducendo il crotonylation dell’istone.„

Per più ulteriormente convalidare i risultati, i ricercatori hanno trattato i campioni con un inibitore ACSS2, che ha diminuito i livelli rilevabili del virus, evidenziante il ruolo importante del decrotonylation nell’instaurazione della latenza del HIV.

Uno dei risultati più intriganti nello studio era sinergico quello impianti aumentanti di crotonylation dell’istone con altre molecole conosciute della latenza anti-HIV, quali l’agonista PEP005 della chinasi proteica C e il vorinostat dell’inibitore di HDAC. Dandekar ed i suoi colleghi ora stanno cercando più molecole che attaccano la latenza virale per sviluppare una strategia globale di combinazione degli agenti terapeutici per costringere l’espressione del HIV.

Stiamo cercando la rottura sinergica, combinando crotonylation dell’istone con altri meccanismi per riattivare HIV,„ Dandekar ha detto. “Atteggiamenti della ricerca questo noi per schermare ed identificare le piccole molecole, che possono essere ottimizzate per effettuare la modifica del HIV.

Fonte http://www.ucdmc.ucdavis.edu/publish/news/newsroom/12717

1 Trackback / Pingback

  1. Sistema immunitario, ecco qual è la sua arma segreta, anticorpi "cattivi"

Lascia un commento