Allattamento al seno per prevenire allergie, diabete e altre malattie croniche non trasmissibili

di Monia Rossi
La USL Umbria 1 prosegue la promozione dell’allattamento materno in collaborazione con le associazioni e le mamme del territorio. L’ultima iniziativa è stata organizzata nel cinema di Magione dal Servizio Consultoriale del Trasimeno e dall’associazione per la “Buona Nascita” che vede in Umbria molte sostenitrici tra cui la musicista Beatrice Guidi, attraverso la proiezione del film documentario MICROBIRTH,  prodotto in crowdfunding dal gruppo di lavoro inglese che aveva già prodotto Freedom for Birth.

Microbirth, attraverso numerose interviste a scienziati e operatori  sanitari, spiega le ipotesi delle moderne ricerche anglosassoni secondo cui la medicalizzazione del parto e le attuali pratiche ostetriche potrebbero interferire con processi biologici fondamentali, rendendoci più inclini nel corso della vita a sviluppare determinate malattiecroniche e non trasmissibili come allergie e diabete. Questo avverrebbe perché il microbioma umano, in collaborazione con  nostro il patrimonio genetico e le sostanze con cui veniamo in contatto,  sviluppa il nostro sistema immunitario  che si forma alla nascita.

Infattispiega Marina Toschi, responsabile del servizio consultoriale del Lago Trasimeno –  i batteri che formano il nostro  microbioma, che può essere paragonato a un organo supplementare che nell’adulto arriva a pesare 2Kg,  sono quelli che ci permettono di avere una buona salute influenzando l’epigenetica. Questo patrimonio di batteri amici si costituisce all’inizio della nostra vita,  prima entrando in contatto con i batteri presenti  nel canale del parto, poi attraverso il contatto con la pelle  materna e infine con il latte materno; modalità che si sono sviluppate nei millenni  per poter fare colonizzare con i batteri giusti  il nostro corpo e garantire il nostro benessere. Alterare questi eventi con il ricorso al taglio cesareo o all’uso eccessivo di antibiotici non sappiamo quanto possa interferire con il nostro benessere, diventando forse causa anche nell’adulto di quelle patologie non comunicabili  che per l’OMS sono l’epidemia degli anni 2000”.

Alla proiezione del film documentario, che si è svolta a ridosso delle festività natalizie nel Cinema di Magione, per gentile concessione del Sindaco e della Cooperativa che gestisce la Sala della Società Operaia del Mutuo Soccorso, hanno partecipato numerose gestanti e genitori dei bambini seguiti nell’ambulatorio del sostegno all’allattamento, che è gestito dall’ostetrica coordinatrice Anna Mortali in collaborazione con il personale ostetrico del Consultorio (Nadia Billi, Dania Selva, Maria Roberta Angori, Beatrice Gori). Le madri, organizzate in un gruppo Facebook “Sostegno all’allattamento materno MAGIONE”, hanno realizzato un calendario con foto di Lilia Kappa, una  fotografa russa specializzata in foto ai neonati, che è stato messo in vendita per raccogliere fondi che contribuiranno all’acquisto di un tiralatte elettrico  (1800 euro) per favorire la raccolta del latte materno nel Centro di Salute di Magione a favore di tutte le donne che ne avranno bisogno, in caso di difficoltà alla suzione da parte del neonato nei primi mesi di allattamento o dopo il ritorno al lavoro, dal momento che il latte materno può essere congelato per essere utilizzato fino a molti mesi dopo.

Commenta per primo

Lascia un commento