Diabete: scoperto enzima anti-ruggine” che protegge muscoli

enzima anti-ossidante perossiredossina-6 (Prdx6), gia' noto per il suo ruolo nel controllo della glicemia

Diabete: scoperto enzima anti-ruggine” che protegge muscoli

L’ enzima anti-ossidante perossiredossina-6 (Prdx6), gia’ noto per il suo ruolo nel controllo della glicemia, e’ anche in grado di proteggere dalla sarcopenia diabetica, importante perdita della massa muscolare che colpisce le persone con diabete di tipo 2. Questo ne fa un nuovo importante bersaglio terapeutico per proteggere le persone con diabete di tipo 2 da questa condizione invalidante.

E’ quanto emerso da uno studio

E’ quanto emerso da uno studio condotto dall’ Universita’ di Roma Tor Vergata e presentato dall’ European Association for the Study of Diabetes a Berlino, grazie ad un travel grant della Societa’ italiana di diabetologia SID. Le persone con diabete di tipo 2 presentano spesso un’ importante perdita della massa muscolare (sarcopenia) oltre che una vera e propria “malattia” dei muscoli (miopatia diabetica); queste condizioni sono dovute da una parte al fatto che le fibre muscolari non riescono a rigenerare, ma anche al fatto che le cellule “di scorta” (le “progenitrici”) non riescono a generare nuove fibre muscolari.

Alla base di tutto c’ e’ lo stress ossidativo

Alla base di tutto c’ e’ lo stress ossidativo che “arrugginisce” i muscoli delle persone con diabete, fino a distruggerli. Il nuovo studio sembra aver trovato una promettente strada per risolvere il problema.

La Prdx6 potrebbe essere considerata un nuovo potenziale target terapeutico

“La rilevante novita’ scientifica di questo studio – commenta la dottoressa Francesca Pacifici, Endocrinologia, Universita’ Tor Vergata, Roma – e’ il ruolo fondamentale che la Prdx6 svolge nei meccanismi responsabili dell’ insorgenza della sarcopenia correlata al diabete di tipo 2. Pertanto, la Prdx6 potrebbe essere considerata un nuovo potenziale target terapeutico utile al ripristino della massa muscolare che si osserva nei pazienti diabetici”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento