Dal Brasile per farsi operare, a Perugia, dal professor Pier Paolo De Feo

da Mario Mariano SMDM PERUGIA – Il primo paziente, era arrivato dall’Australia  qualche settimana fa per sottoporsi ad un intervento chirurgico alla tiroide ; questa mattina 27 Gennaio ,una donna venuta  dal Brasile, ha scelto di  curarsi  al S. Maria della Misericordia per la stessa patologia. A giorni toccherà ad una paziente iraniana; si  può  a questo punto ragionevolmente  pensare che il numero di cittadini stranieri sia destinato a crescere. Sembra allora utile chiedersi  il perché  di tanta attrattività sanitaria internazionale :  “ Il nostro Centro per la cura delle malattie della Tiroide è tra i pochissimi in Italia e nel mondo ad eseguire  la tecnica di ablazione dei noduli tiroidei senza anestesia, riducendo le dimensioni del nodulo senza modificare la funzione della ghiandola tiroidea- sottolinea il Prof.  Pierpaolo De Feo-. Inoltre  va evidenziata la  possibilità  che viene proposta e cioè  di effettuare  l’intervento in giornata, in regime di Day Surgery :anche questo è un incentivo ad accedere ai servizi  del nostro centro da parte di utenti non solo provenienti dall’Umbria e da tante altre regioni italiane, ma da numerosi altre nazioni”. Anche  in questa occasione, la  donna, proveniente da S. Paolo do Brasil , in compagnia del marito e delle due giovani  figlie , è arrivata a Perugia dopo un lungo viaggio  aereo, alloggiando in un albergo del centro della città. Attraverso l’ufficio stampa dell’Azienda Ospedaliera di Perugia ha dichiarato di aver saputo della tecnica della ablazione della tiroide dal proprio endocrinologo, che ben conosceva le  pubblicazioni scientifiche firmate dal Prof. De Feo e dal Dr. Giovanni Gambelunghe e sui risultati della loro ampia casistica . Anche la paziente del Sud America, dimessa questa mattina, ha sostenuto una spesa per le  prestazioni assistenziali di 1560 euro (intervento chirurgico  e  ricovero).Prima di lasciare l’Ospedale la insegnante brasiliana  ha voluto ringraziare lo staff medico ed infermieristico, sollecitando una foto- ricordo con tutto il personale ospedaliero. La signora Vivien, imprenditrice del settore delle telecomunicazioni sciorina i posti più caratteristici di Perugia, in un corretto italiano: “Amo il vostro Paese, con la famiglia veniamo tutti gli anni, Roma, Firenze, Verona e ora Perugia. Abbiamo visitato ieri pomeriggio la Basilica di S .Lorenzo, Palazzo dei Priori. Torneremo a Luglio, in occasione di Umbria jazz, la musica preferita da me e mio marito”. In  taxi ha raggiunto il centro città e questa sera da Fiumicino il ritorno in Brasile. “ Il mio intervento chirurgico è stato necessario  non solo per una  questione estetica, avevo anche difficoltà a deglutire. Felice che tutto si sia risolto per il meglio”. Arrivederci a Luglio. – See more at: http://www.umbriajournal.com/scienze-salute/dal-brasile-per-operarsi-perugia-dal-professor-pier-paolo-de-feo-145534/#sthash.KWLqvALw.dpuf

Commenta per primo

Lascia un commento